Fondimprese

Cos’è un Fondo Interprofessionale?

I Fondi Paritetici Inteprofessionali nazionali per la formazione continua sono organismi di natura associativa promossi dalle organizzazioni di rappresentanza delle Parti Sociali attraverso Accordi Interconfederali stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori maggiormente rappresentative sul piano nazionale.

Questo sistema consente alle imprese di destinare la quota dello 0,30% dei contributi versati all’INPS (alla formazione dei propri dipendenti. I datori di lavoro potranno infatti chiedere all’INPS di trasferire il contributo ad uno dei Fondi Paritetici Interprofessionali, che provvederà a finanziare le attività formative per i lavoratori delle imprese aderenti.

Lo 0,30% è un contributo mensile destinato specificamente alla formazione che ogni impresa versa obbligatoriamente all’Inps per tutti i lavoratori e soci lavoratori inquadrati come dipendenti. Anche i dirigenti inquadrati come dipendenti versano questo contributo.

Aderendo ad un Fondo, le imprese autorizzano l’Inps a versare lo 0,30% direttamente al Fondo, che lo utilizza per finanziare la loro formazione continua.

La nostra esperienza, maturata in questi anni, l’ascolto delle esigenze delle ns aziende e l’analisi dei dati nelle fasi attraverso il monitoraggio e la gestione dei piani formativi finora attuati, grazie all’iscrizioni di tali aziende ai Fondi, ci hanno consentito di evolvere la nostra offerta dei servizi di supporto e consulenza.

Le imprese che non aderiscono ad alcun Fondo continuano comunque a versare il contributo all’Inps.

Perché aderire ad un Fondo?

L’adesione al Fondo consente di finanziare le attività formative dei propri dipendenti. Come? Partecipando ai bandi pubblicati o presentando un progetto formativo presso il Fondo di adesione, sussiste per l’azienda l’opportunità di far partecipare i propri dipendenti a corsi di formazione che corrispondano alle esigenze formative della propria azienda. Il Fondo provvede a finanziare in tutto o in parte il costo della formazione sostenuta.

Inoltre, come accennato sopra, l’adesione al Fondo non costituisce un onere per l’azienda, in quanto il contributo di adesione viene detratto dai contributi INPS dei dipendenti versati obbligatoriamente (per una quota dello 0.30%).

Come aderire al Fondo prescelto?

L’impresa aderisce ai Fondi Paritetici Interprofessionali in modo volontario. Per la pratica di adesione l’azienda può contattare il proprio studio paghe, che si occuperà di portare a termine la pratica. L’adesione è revocabile: ha validità annuale e si intende tacitamente prorogata, salvo disdetta. Ogni impresa può aderire solamente ad un Fondo, anche di settore diverso da quello di appartenenza. Secondo i nuovi criteri le aziende possono aderire ad un fondo durante l'intero anno solare e gli effetti economici decorrono dal periodo di paga -mese di competenza del DM10- nel quale l'adesione è stata proposta.

Attualmente sono parecchi i Fondi Paritetici Interprofessionali attivi a cui le aziende possono accedere per la formazione lavorativa e l’aggiornamento dei propri dipendenti: vediamo qui quelli più importanti a livello nazionale.

Educo segue in particolar modo FONDIMPRESA, uno dei più importanti fondi interprofessionali italiano per la formazione continua.

Aperto a tutte le imprese, di ogni settore produttivo e dimensione, gestisce appunto le risorse che le imprese aderenti versano all'INPS come contributo per la formazione.